Legumi: i benefici dei fagioli mung

I legumi si sa portano molti benefici alla salute se inseriti nella dieta quotidiana e tra i prodotti più particolari e meno noti vi sono i fagioli mung. Chiamati anche azuki verdi, i fagioli mung sono legumi di piccole dimensioni e color verde, originari della Cina e dell’India, Paesi nei quali vengono usati da secoli non solo come parte della dieta ma anche per i loro benefici nella medicina naturale. Appartenenti al genere vigna, i fagioli mung vengono utilizzati per la produzione dei germogli di soia, utilizzati in passato per alleviare fastidi e dolori alle ginocchia, disturbi digestivi e crampi.

I benefici dei fagioli mung derivano dalla loro ricchezza di sostanze nutritive: possono essere utilizzati per la preparazione di zuppe e minestre ma anche per realizzare farine e creme oppure cuocendoli al vapore per poi servirli insieme a riso o verdure.

Un piatto di fagioli mung è ricco di diverse sostanze nutritive, tanto da poter essere considerato anche un ottimo sostituto della carne data la presenza di tutti gli amminoacidi essenziali: questi legumi forniscono dunque le proteine necessarie a chi pratica sport anche a livello agonistico o ai vegetariani.

Da alcuni anni la coltivazione di questi legumi ha raggiunto anche alcune regioni mediterranee e gli Stati Uniti, proprio in virtù delle ottime qualità benefiche: dall’alto contenuto di isoflavonoidi, che contrastano il colesterolo cattivo e proteggono il sistema cardiocircolatorio alla presenza di fitoestrogeni, indicati per contrastare osteoporosi e sintomi vasomotori della menopausa. I fagioli mung sono inoltre ricchi di fibre e hanno un alto contenuto di zingo e ferro, oltre che di potassio, manganese e calcio. In ultimo sono anche un ottimo concentrato di vitamine C, K, E e B6.

Dr. Daniele Marti D.O.

Osteopata R.O.I.

www.danielemarti.com – www.maldischienacosafare.com – www.sportsicuro.com

Esercizi per il mal di schiena

Esercizi per combattere il mal di schiena

Il mal di schiena è un disturbo che affligge milioni di persone e che, se sottovalutato, può divenire cronico e peggiorare con il passare del tempo. Ma vi sono una serie di esercizi per combattere il mal di schiena, pensati da un lato per prevenirne l’insorgenza, dall’altro per ridurre il dolore fino a farlo scomparire. Premesso che, in caso di mal di schiena è sempre bene consultare il parere di un medico ed affidarsi ad un personal trainer per svolgere gli esercizi correttamente, vi sono alcuni semplici accorgimenti fisici che se praticati almeno due o tre volte alla settimana, possono risultare efficaci.

Si tratta di esercizi antalgici, ovvero antidolore, che potenziano gli addominali e stabilizzano la muscolature posteriore, rilasciando invece quella paravertebrale. Esercizi di stretching da eseguire dopo un riscaldamento generale, per scaldare tutte le parti del corpo ed evitare strappi o affaticamenti.

sdraiarsi a terra supini portando le ginocchia al petto e avvicinandole ad esso con le braccia, mantenendo questa posizione per 30 secondi

posizionarsi a terra carponi, con le mani appoggiate sul pavimento alla larghezza delle spalle, espirando mentre si incurva la colonna vertebrale verso l’alto e, a polmoni completamente svuotati, inspirando e tornando alla posizione di partenza.

flettere il collo di lato, eseguendo l’esercizio in piedi o seduti, e afferrare il polso del braccio opposto con la mano del lato verso il quale è piegato il collo, tirare verso il basso leggermente mettendo in tensione i muscoli di trapezio e spalle, mantenendo la posizione per 20 secondi prima di cambiare lato.

Dr. Daniele Marti D.O.

Osteopata R.O.I.

www.danielemarti.com – www.maldischienacosafare.com – www.sportsicuro.com